«Bambini esclusi» su Mangialibri

Perplessità: è questo che si potrebbe provare una volta finito Bambini esclusi. Perché il libro è scritto bene, l’ossessione – quella di entrambi i personaggi – permea letteralmente ogni pagina risultando credibile e persino il personaggio della pop star dal nome un po’ volgarotto e provinciale apre scenari interessanti. Eppure, c’è qualcosa che decisamente non funziona. […] L’anello debole è la storia di Gabriele: costruita su allucinazioni improbabili e su un registro narrativo completamente diverso dall’altra, finisce per risultare più che un collegamento del destino, un elemento di disturbo, come la pubblicità durante il momento clou della vostra soap opera preferita.

Leggi tutta la recensione di Angelica Graziano su Mangialibri.com

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...