Scrittori e cattolici: un ciclo di interviste

Ma se un cattolico si mette a scrivere libri di narrativa è ragionevole definirlo, senza troppi giri di parole, scrittore cattolico? E i romanzi di uno scrittore cattolico – ammesso che questa definizione abbia un senso – sono automaticamente romanzi cattolici? Esiste davvero qualcosa, nella storia della letteratura fino ai giorni nostri, che possa essere definito romanzo cattolico? E quando uno scrittore cattolico scrive, si chiede se quello che sta scrivendo è cattolico oppure no? È un po’ di tempo che giro intorno a queste domande e non riesco a venirne a capo. L’altro giorno, però, mi è venuta un’idea.

Ho fatto una lista degli scrittori italiani contemporanei che sono, oltre che scrittori, anche cattolici. Poi ho scritto in bella forma le domande che mi ronzavano in testa e le ho girate agli scrittori cattolici che avevo individuato. Alcuni di loro hanno accettato di rispondermi (mi fa piacere ringraziarli anche qui, dopo averlo fatto in privato) e così ora ho tra le mani otto interviste complete (un altro paio potrebbero aggiungersi nei prossimi giorni) che pubblicherò sul mio blog per continuare a ragionare su questi temi insieme ai visitatori di passaggio.

Ho deciso di chiamare questo ciclo di interviste “Scrittori e cattolici“. Mi rendo conto che non è un titolo di bruciante originalità, ma mi sembra che in sintesi dica tutto. Trovo fondamentale soprattutto la piccola congiunzione che tiene unite e al tempo stesso distanti due categorie così vaste.

Pubblicherò le interviste a partire da domani, un giorno sì e uno no. Si comincia con Giulio Mozzi. Buona lettura.

Leggi tutte le interviste fin qui pubblicate

2 pensieri su “Scrittori e cattolici: un ciclo di interviste

  1. “Ma se un cattolico si mette a scrivere libri di narrativa è ragionevole definirlo, senza troppi giri di parole, scrittore cattolico?”.

    Sì e no.
    Sì se più o meno volutamente, consciamente, i suoi scritti hanno come sostrato culturale e come bussola morale appunto la cattolicità, o comunque la fede.
    No perché ciò non è automatico, ed un cattolico che scrive narrativa è in primis un “cattolico scrittore”, non necessariamente nè subito uno “scrittore cattolico”.
    Può sembrare pignoleria, ma per me è sostanza.
    Ed è un’introduzione alla questione che già ne dice qualcosa, non trovi?

    Ho letto l’intervista a Veronica Tomassini, che mi ha intrigato, ora procedo con le altre😉

  2. Grazie, Denise.
    In realtà anche io ho pensato che la definizione “cattolico scrittore” sia molto più significativa di “scrittore cattolico”.
    Buon proseguimento con la lettura delle altre interviste.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...