Le singolari persone di Carvelli

In Italia si legge poca poesia e io contribuisco al fenomeno. Mi capita raramente di aver voglia di leggere una raccolta di versi, anche quando mi viene consigliata da persone di cui mi fido. Spesso un verso incontrato per caso, magari in esergo a un testo di narrativa o twittato da qualcuno, mi accende la curiosità […]

Read More Le singolari persone di Carvelli

Una lunga estate Gadda

Non so se si possa parlare di stagionalità degli scrittori, ma sono abbastanza certo di non aver mai letto una riga di Gadda al di fuori dell’estate. Per me Gadda è leggibile solo in quelle surreali ore postprandiali infilzate dal sole o in quelle notti passate tra il ronzio del condizionatore e quello delle zanzare. […]

Read More Una lunga estate Gadda

Un salto mortale finito nel vuoto

L’8 maggio del 2008 moriva Luigi Malerba e io lo ricordavo con un breve articolo sul blog dei Libri in testa. Domani I Libri In Testa dedicheranno la loro serata a un romanzo di questo scrittore: «Salto mortale». Nell’articoletto di sei anni fa immaginavo che, come spesso accade dopo la scomparsa di un autore, i libri […]

Read More Un salto mortale finito nel vuoto

Ciò che si può ancora conquistare

Stavo cercando qualcosa di brillante da dire per convincervi della bellezza dei racconti di Andre Dubus contenuti nella sua ultima raccolta Ballando a notte fonda. Qualcosa che spiegasse perché queste pagine sono importanti. Poi, arrivato alla fine del volume, ho visto che il traduttore Nicola Manuppelli, nella postfazione, aveva già detto tutto, meglio di quanto […]

Read More Ciò che si può ancora conquistare

Il bene o la scelta del bene?

Il dialogo tra Alex e il cappellano della prigione, da «Arancia Meccanica» di Anthony Burgess (Einaudi, traduzione di Floriana Bossi). Per approfondire l’orientamento religioso di Burgess vedi qui. – Ah, piccolo 6655321, accomodati -. E ai guardiani: – Aspettate fuori, eh? – E loro andarono. Poi mi parlò in un modo molto serio, dicendo: – […]

Read More Il bene o la scelta del bene?

Le vite di Baroncelli

Ciò che viene fatto per la prima volta è una pericolosa innovazione. Se lo si ripete una seconda volta diventa una simpatica tradizione e, dalla terza volta in poi, assurge allo status di precetto. La mia frequentazione con i libri di Eugenio Baroncelli rientra nella seconda categoria: due anni fa alla fiera Più Libri Più […]

Read More Le vite di Baroncelli