Nove Eggers Placido cut-up

C’è un racconto poco conosciuto di Aldo Nove che si intitola Italian 2002 Fast Food Cut-up (1) e si propone come un montaggio di tre fonti diverse: il discorso di un tizio registrato “casualmente” in un fast food, estratti dai testi del sito della BMW ed estratti dai testi del sito di Elisabetta Canalis. Un […]

Read More Nove Eggers Placido cut-up

Riletture da ombrellone

La mia annuale settimana al mare si è conclusa. Quest’anno, sotto l’ombrellone, ho portato con me due libri che avevo già letto in passato: Cani neri di Ian McEwan e La cognizione del dolore di Carlo Emilio Gadda.

Read More Riletture da ombrellone

Chesterton: vogliamo il bis

«Solo chi considera sacra la famiglia ha sempre un criterio e una posizione sicuri da cui poter criticare lo Stato». È una delle molte frasi di Gilbert K. Chesterton che ho appuntato ieri mentre assistevo all’incontro Chesterton e quell’avventura chiamata “Famiglia”, terzo appuntamento dedicato allo scrittore inglese e organizzato, come i precedenti, nella sede di Civilità Cattolica, a […]

Read More Chesterton: vogliamo il bis

Laetare!

Regina caeli, laetare, alleluia. Quia quem meruisti portare, alleluia. Resurrexit, sicut dixit, alleluia. Ora pro nobis Deum, alleluia. Testo: anonimo del X sec. (vedi qui). Immagine: una tomba, grazie a Dio, vuota (vedi qui). Buona Pasqua!

Read More Laetare!

Yates e famiglia

Ho sempre pensato che dichiarare il fallimento della famiglia prendendo ad argomento storie di divorziati, separati e disperati vari sia un po’ come sostenere che i bucatini all’amatriciana fanno schifo citando tutti i casi in cui li si è mangiati scotti, insipidi, mal cucinati, eccetera. La realtà è, invece, che la famiglia è cosa buona […]

Read More Yates e famiglia

I movimenti remoti

«Il dubbio che i morti non siano morti per davvero s’incrocia e si sovrappone in Parise a un altro dubbio, o desiderio, simmetrico: che i vivi (a cominciare da lui stesso) potessero non nascere, rimanendo allo stato di pura possibilità nel pullulare del caso e del caos. Parise, figlio illegittimo, esercita un’interrogazione continua sulla propria origine […]

Read More I movimenti remoti

Lobo Antunes!

(da «L’ordine naturale delle cose» di Antonio Lobo Antunes, ed. Feltrinelli, 2001, trad. di Rita Desti) Ancora oggi, a ottantun anni, oggi che vivo da solo dopo la morte di mia moglie, in una parte di casa a un quarto piano senza ascensore di Rua Ivens, e me ne vado a Largo do Camões e […]

Read More Lobo Antunes!