Ferrettiana

VII. (le altre parti: I, II, III, IV, V, VI) Da quando sono diventato uno stronzo reazionario, i figli dei miei amici mi vogliono un bene esagerato perché io mi rapporto a loro come a delle persone e ho scoperto che sono l’unico che si mette a discutere con loro dicendo: guarda che tu stai […]

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

VI. (le altre parti: I, II, III, IV, V)         Cattolico-romano cuorcontento / nel tempo dello smarrimento. (PGR, «Cronaca del ritorno») Che Ferretti fosse cattolico io lo avevo sempre immaginato. Fin dai primi ascolti dei CCCP, in cui – come si è detto in precedenza – le evidenze erano maggiori che nei CSI. Se da […]

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

V. (le altre parti: I, II, III, IV) Un molteplice riallacciare fili di memoria tra umori fisiologici e ardite connessioni raziocinanti, a volte incredule. La memoria dell’oggi, inizio del III millennio dell’era cristiano-europea, che contempla l’11 settembre, il terrorismo islamista quale componente fondante del conflitto in atto sulla terra, una guerra dichiarata e incapace d’accettarsi. […]

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

IV. (le altre parti: I, II, III) La differenza tra le due “pesantezze”, secondo me, sta nel fatto che quella dei CCCP era la pesantezza dell’adolescenza e della giovinezza, mentre quella dei CSI è la pesantezza della maturità. (Giovanni Lindo Ferretti, “Fedeli alla linea. Dai CCCP ai CSI”, Giunti 1997) In qualità di fan dei […]

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

III. (la prima parte, qui; la seconda parte, qui) “Ko de Mondo” è un disco per la musica europea di oggi. Consigliato a chi pensa di sapere già cosa aspettarsi quando alza il muso dalla biada (Davide Sapienza, “Buscadero”, febbraio 1994) Una delle prime avvisaglie di Ko de Mondo arrivò nel gennaio 1994 con il […]

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

II. (la prima parte qui) «Studenti di tutto il mondo, cantate con me» (Giovanni Lindo Ferretti prima di intonare dal vivo “Annarella”, Roma, 1993) I CCCP dal vivo io non li ho mai visti. O meglio li ho visti, ma si chiamavano già CSI. Però facevano ancora solo i pezzi dei CCCP. Andiamo con ordine.

Read More Ferrettiana

Ferrettiana

I. Al principio era il Verbo Al principio era Pravda E prima del principio Era vanto dei Mongoli Che una vergine sola Sopra un carico d’oro Traversasse indenne I domini del khan (CCCP-Fedeli alla linea, “Radio Kabul”) In principio ci sono io a vent’anni, chiuso nella mia cameretta di adolescente fuori tempo, che canto a […]

Read More Ferrettiana

Guida ai ristoranti perduti / 5

La «Piedra del Sol» più che un ristorante perduto è un ristorante migrato. L’immagine qui accanto, infatti, mostra l’insegna del locale, oggi vivo e vegeto a Milano, con lo stesso nome (e immagino la stessa offerta gastronomica) dell’ex omonimo romano. Anche il logo è, a memoria, identico. Dunque quello che è stato per lunghi anni il […]

Read More Guida ai ristoranti perduti / 5

L’importanza di Tina Pica

(Pubblicato sul numero 35 di «Storie», giugno 1999) La pellicola è vecchia, probabilmente non resisterà alla proiezione e si frantumerà come quegli spezzoni di film recuperati alla Cineteca di Roma. Ricciuti l’ha trovata per caso in un basso dei Quartieri Spagnoli. La famiglia che vive in quella casa, però, non vuole disfarsene. Il giornalista, che […]

Read More L’importanza di Tina Pica

Quartetto per strumenti di lettura

Apparso per la prima volta sul blog «Vibrisse» nel 2006. Leggere un libro per me significa riuscire a gestire quattro oggetti. Il primo oggetto è il mio paio di occhiali. Porto gli occhiali da quando andavo in terza elementare. Li considero un’estensione del mio corpo. Quando me li tolgo mi sento nudo (spesso, quando me […]

Read More Quartetto per strumenti di lettura