Sartre: del dire e del fare

(Pubblicato sul n. 20 di «Storie», 1996) Tra cinque minuti quella porta si aprirà e mi verranno a prendere. È mezzanotte meno cinque e loro sono sempre puntuali. Ma io non ho paura: ho preso la mia decisione e poi, ormai, è la decima volta che recito questa scena. È il 12 aprile del 1948. […]

Read More Sartre: del dire e del fare

García Márquez, genio e impostore?

(Pubblicato sul numero 35 di «Storie», giugno 1999) «Senta, signorina Márquez: ieri notte non ho dormito pensando che ho assoluto bisogno di sposarmi, e la donna del mio cuore è lei. Non amo nessun’altra. Mi dica se anche lei ha delle mire spirituali sulla mia persona, ma non si senta obbligata a compiacermi, perché non […]

Read More García Márquez, genio e impostore?

Guida ai ristoranti perduti / 4

C’era un film con Meg Ryan e Tom Hanks in cui lei era proprietaria di una piccola libreria indipendente e lui di una catena di megabookstore. Il pesce grande che mangia il pesce piccolo. Solo che si trattava di una commedia hollywoodiana e tutto finiva bene per la tenera libreria indifesa. Nella realtà invece il […]

Read More Guida ai ristoranti perduti / 4

Guida ai ristoranti perduti / 3

A Roma, in via Francesco Crispigni, là dove c’era «Ou Ming», c’è oggi una trattoria che ostenta fin dall’insegna l’attenzione alla tradizione italiana. Mi sono chiesto se non ci sia, in questa scelta, la volontà di sottolineare la discontinuità con il ristorante precedente. Come a dire: basta con la gastronomia cinese, torniamo a mangiare la […]

Read More Guida ai ristoranti perduti / 3

Cartoline da Zappalandia

(La versione originale di questo articolo, leggermente diversa da quella qui pubblicata, è apparsa sul numero di settembre-ottobre 2005 di Medicine Show) La musicofilia è una forma di turismo. Uno vive in un paese, che può essere il blues o il punk o l’avanguardia-elettronica-tedesca, e poi – giustamente – si prende qualche periodo di vacanza. […]

Read More Cartoline da Zappalandia

Guida ai ristoranti perduti / 2

Qualche sera fa ho cenato in una pizzeria in cui non vado quasi mai. Al tavolo accanto al nostro c’era una famiglia composta da tre persone: padre e madre piuttosto anziani e la figlia ormai grande, una giovane donna. Al momento dell’ordinazione la figlia ha raccontato al cameriere che l’ultima volta che era andata a […]

Read More Guida ai ristoranti perduti / 2

Guida ai ristoranti perduti / 1

Una cosa che neanche internet riesce a salvare dall’oblio (ebbene sì, per quanto possa sembrarci incredibile ci sono risposte che perfino la grande rete non è in grado di darci) è la storia di alcuni ristoranti ormai chiusi. Non parlo di storici locali del passato, ma di comuni esercizi che non avevano nulla di memorabile […]

Read More Guida ai ristoranti perduti / 1

Buon lavoro a Ravenna

Sta avendo luogo, inaspettatamente, un piccolo revival di Buon lavoro, la mia raccolta di racconti uscita nel 2006: a novembre scorso uno dei racconti è stato letto da Saverio Fattori in un reading a Bologna, poi c’è stata la citazione su Tirature ’11, quindi gli studenti del corso di scrittura creativa alla Scuola Comics di […]

Read More Buon lavoro a Ravenna

Sfidando impavidamente la monotonia nello stile e nella struttura

A cinque anni di distanza dalla sua uscita fa piacere vedere che c’è qualcuno che ancora cita la mia raccolta di racconti Buon lavoro. Mi riferisco in particolare a Gianni Turchetta che nel saggio Siamo tutti precari, contenuto nell’edizione 2011 di Tirature, scrive: I racconti di Platania scelgono una ripetitività calcolatamente straniata, costellata di atti […]

Read More Sfidando impavidamente la monotonia nello stile e nella struttura